Decreto Cura Italia a sostegno della liquidità della tua Impresa.

 

E’ da poco uscito il decreto Cura Italia che prevede numerose misure a sostegno delle imprese italiane in questi giorni in cui la nostra economia è fortemente provata dagli effetti del COVID 19.

Parliamo di iniziative che hanno lo scopo di salvaguardare la liquidità delle nostre Piccole e Medie Imprese utilizzando strumenti finanziari che chiedono maggiore sostegno da parte delle banche.

Se mi segui sai benissimo che ho fatto del miglioramento del rapporto tra banche e imprese la mia professione e non posso per questo perdermi le novità proposte in questa fase assai delicata.

Le armi messe in campo attraverso questa che possiamo definire “la prima moratoria di Stato” sono sostanzialmente:

  • la sospensione delle rate delle rate
  • la proroga dei fidi a breve per le PMI
  • misure di rafforzamento del Fondo di Garanzia

Ma passiamo ad analizzarle nel dettaglio per capire meglio di cosa si tratta.

Il primo requisito per poter accedere ai benefici di questo decreto Cura Italia e che la tua azienda stia registrando una riduzione parziale o totale dell’attività quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

Tecnicamente sembra banale ma sempre giusto ricordarlo.

Sospensione rate e proroga fidi per le PMI (art.56).

In questo caso la misura si rivolge a quelle che secondo la definizione UE sono le nostre Piccole Medie imprese (ovvero le aziende con meno di 250 dipendenti, un fatturato che non superi i 50 milioni o che il totale attivo annuo non superi i 43 milioni).

Attenzione: le aziende non devono essere classificate come esposizioni creditizie deteriorate.

Devono tecnicamente rientrare tra i performing o al massimo underperforming (ovvero non siano posizioni definite deteriorate ai sensi della circolare 272 di Banca d’Italia). 

In questo caso infatti, se ci sono problemi pregressi di sostenibilità dei debiti l’azienda non può aderire a questa inziativa che, ricordo, premia solo le aziende che hanno effettivamente avuto una riduzione parziale o totale dell’attività quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

PS: Eventuali deroghe possono essere trattate direttamente con la banca ma, in questo caso, mi spiace dirti che le probabilità di riuscita sono davvero basse e unicamente in mano al buon cuore del tuo referente banca.

Il Decreto per quanto riguarda gli affidamenti a breve termine dice invece che gli importi accordati da banche e intermediari finanziari (sia utilizzati che non) per fidi a revoca e autoliquidanti non possono essere revocati in tutto o in parte fino al 30/09/2020.

Di fatto la possibilità che la banca ti chiuda improvvisamente le linee di credito a breve, senza un reale perché, adducendo unicamente al peggioramento del tuo rating viene impedita (per ora) fino a questa data. Questo vale sia per la parte utilizzata che per quella libera a tutela proprio di eventuali problemi di incasso.

Lato prestiti non rateali con scadenza ante 30 settembre 2020 sono prorogati fino al 30 settembre 2020 alle condizioni in essere mentre il pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020 relativamente a mutui, leasing e altri finanziamenti a rimborso rateale (anche cambiali agrarie) in scadenza prima del 30 settembre 2020 viene invece sospeso sino al 30 settembre 2020 senza maggiori oneri per entrambe le parti (con conseguente e obbligatorio allungamento delle scadenze originarie di rimborso).

È in questo caso facoltà delle imprese richiedere di sospendere soltanto i rimborsi in conto capitale.

A differenza di quanto scritto nel mio ultimo articolo circa la moratoria ABI sembra che, in questo caso, il rating della società non venga in futuro danneggiato.

Almeno questo è quanto dicono in questi giorni i rispetti funzionari di banca a voce (nulla di scritto) anche se mi sembra strano supporre che chi, per varie ragioni, non usufruisce di tali misure contenitive venga considerato, se parliamo di rischio di credito, alla stregua di chi ne usufruisce.

Ti dico questo perché una minima esperienza in banca ce l’ho e molte volte, quello che fuori viene promosso e detto, per varie ragioni, non corrisponde a quanto internamente si dice (e soprattutto fa).

Ti invito, per questa riflessione ulteriore, a leggere l’articolo che ti informa circa tutto quello che devi sapere prima di aderire alla sospensione rate (o moratoria ABI) che trovi sul mio BLOG a questo LINK ==> Leggi l’articolo. 

In questo caso gli istituti finanziatori, per tutelarsi, potranno accedere ad una sezione speciale del Fondo Garanzia PMI che, garantirà senza valutazione, per un importo pari al 33% i maggiori utilizzi, le rate sospese dei finanziamenti rateali e i prestiti non rateali a scadenza prorogati.

Come fare per attivare questo decreto CURA ITALIA?

La prima cosa da fare per ottenere questi benefici offerti dalle banche è agire e farlo in FORMA SCRITTA presentando alla banca un’autocertificazione ai sensi dell’art. 47 DPR 445/2000 dove indichi di aver subito una riduzione parziale o totale dell’attività quale conseguenza diretta della diffusione dell’epidemia da COVID-19. Il tutto unito al proprio documento di identità.

Qui puoi scaricare questi documenti in formato word:

Per favorire l’accesso al credito delle nostre PMI utilizzo da anni un metodo che prevede la gestione in anticipo di qualsiasi obiezione che la banca può farti quanto chiedi credito. Preparare e mandare questo documento va quindi FATTO. 

Se non credi a quanto di dico vai sul BLOG www.bilancioutile.com per scoprire di cosa parlo.

Misure di rafforzamento Fondo Garanzia PMI (Art. 49)

Riguardo invece le misure di rafforzamento del Fondo di Garanzia per PMI si può far ricorso al fondo di garanzia per ottenere finanziamenti da parte delle banche.

Se non lo sapessi il fondo di garanzia è uno strumento predisposto dal Ministero dello Sviluppo Economico a favore delle piccole e medie imprese per facilitare l’accesso delle stesse al credito bancario.

Queste misure hanno durata per 9 mesi dall’entrata in vigore del DECRETO e riguardano:

  • estensione della durata della garanziadel Fondo per le operazioni per le quali le banche hanno riconosciuto sospensione pagamento rate di ammortamento o della quota capitale;
  • garanzia del Fondo Centrale concessa a titolo gratuito.
  • estensione dell’importo massimo utilizzabile per ciascuna impresa a 5.000.000 di Euro (mentre fino a ieri il plafond era 2.500.000,00).
  • garanzia fino all’80%, per operazioni fino a 1.500.000 euro, con un’istruttoria del Fondo che verrà effettuata solo in base ai dati di bilancio e non in base all’andamentale (Centrale rischi). Sono, come detto in precedenza, in ogni caso escluse imprese con esposizioni come sofferenze o inadempimento probabile, o qualificate come imprese già in difficoltà.
  • le Banche potranno istruire la pratica presso il fondo contemporaneamente alla propria istruttoria in quanto non è dovuta la commissione per il mancato perfezionamento delle operazioni. Questo significa maggior tempestività rispetto all’iter ordinario.
  • Sono ammesse alla garanzia anche operazioni di rinegoziazione del debito purchè con credito aggiuntivo almeno del 10% del residuo.
Da quello che si legge sembra che il Decreto favorisca anche i tempi di perfezionamento di queste richieste.

Esiste anche un supporto alla liquidità per le imprese che non hanno i requisiti definiti dalla PMI (art. 56) ovvero quelle che non hanno accesso per i propri parametri al Fondo Centrale di Garanzia. La misura prevede la Garanzia dello Stato a favore di Cassa Depositi e Prestiti per le esposizioni assunte dalla stessa, anche nella forma di garanzie di prima perdita su portafogli di finanziamenti, in favore delle banche e intermediari che erogano finanziamenti alle imprese che hanno sofferto una riduzione del fatturato a causa della emergenza Coronavirus. L’accesso è in questo caso ancora da definire con decreto MEF.

Altri provvedimenti prevedono la volontà dell’intervento Cura Italia nel raggiungere la maggior platea dei soggetti che costituiscono il tessuto imprenditoriale italiano.

Sono così stati previsti interventi a beneficio di:

– lavoratori autonomi e ai liberi professionisti (per 9 mesi dall’entrata in vigore) che autocertifichino ai sensi degli articoli 46 e 47 DPR 445/2000 di aver registrato un calo del fatturato superiore al 33% del fatturato dell’ultimo trimestre 2019, potranno accedere al Fondo di solidarietà mutui prima casa (sospensione delle rate per 18 mesi, senza limite ISEE, per mutui fino a 250.000 euro).

– Settore crocieristico, fortemente colpito tramite garanzia statale agli interventi di garanzia SACE;

– Consorzi Fidi, tramite agevolazioni.

I provvedimenti sono, come sopra sintetizzato, molteplici e indubbio è il beneficio che molte realtà, soprattutto PMI, possono avere in un momento in cui la liquidità della propria azienda viene messa in forte discussione.

A questo link trovi i file da scaricare e utilizzare per beneficiare di queste misure.

Compilati, e come già detto, inviati alla tua banca uniti al tuo documento di identità.

Infine perdonami ma non posso lasciarti con la mia ultima raccomandazione che è quella di utilizzare questo periodo di fermo per dedicarsi alla stesura e presentazione del bilancio 2019.

Appena sarà possibile riaprire le nostre attività servirà certamente consolidare il debito sul medio lungo termine.

Le banche potrebbero avere prodotti dedicati per finanziarti nel lungo periodo e in questa fase, perdere altro tempo, perché ci presentiamo senza dati ufficiali (quali il bilancio 2019 depositato) sarebbe un errore IMPERDONABILE.

Con l’occasione ti invito a visionare sul mio BLOG il servizio Istruttoria Facile.

Una mini guida che ti suggerisce tutte, ma proprio TUTTE le azioni da svolgere per ottenere credito dalle banche.

Ti invito a prepararti, studiare bene la strategia da adottare e alla riapertura delle nostre attività farti trovare pronto per chiedere alla tua banca l’aiuto necessario per finanziare la ripresa della tua attività.

Abbiamo tanto da fare e non possiamo permetterci di perdere altro terreno.

Buon lavoro.

Dott. Tescari.

 

 

 

Share This